La ragazza di Chagall di A. Sbuelz


Partendo dall’ infanzia tra i laghetti e i sassi dell’appennino tosco emiliano rivissuto con gli occhi di una bambina, il racconto si sviluppa drammaticamente negli anni che hanno preceduto la dittatura e il secondo conflitto mondiale, con le persecuzioni razziali, il confino a Ventotene presso Trieste con altri condannati dal regime, le virulente e magnetiche adunate mussoliniane, i timori e i sogni di libertà.
Il mondo improvvisamente si incrina, nelle semplici e a volta dolorose esperienze dell’adolescenza si innesta il virus dell’odio che obbliga ognuno a prendere posizione, con servilismo, opportunismo, angoscia, coraggio, o a fuggire per difendere sé e proteggere i propri cari.
Sono più voci di speranza, di paura, che riescono a evidenziare la profondità di gesti semplici, particolari realistici e sensuali, ricordi e preoccupazioni di una giovinezza inquieta rielaborata nei pensieri, nelle lettere, nei diari, e a cui solo il tempo darà risposta e a volte sarà quella della vendetta. Non solo è ricostruito in modo dettagliato il periodo storico, ma anche l’amenità dell’ambiente naturale nelle sue stagioni, gli interni abitativi o dei trasporti all’epoca e ogni particolare possa coinvolgere il lettore e trasportarlo nelle vicende passate.
A volte la narrazione procede avanti e indietro nel tempo, scorrendo con le onde della poesia, In tal caso le parole colpiscono l’immaginazione anche se come lettore ho trovato qualche difficoltà ad orientarmi. Ho pensato che il riferimento a Chagall non è solo il volo della bambina al di là dell’oceano, ma anche ai colori delle immagini, al volo dei pensieri al di là dei tempi e dei luoghi. Apprezzabile il crescendo di emozioni che caratterizza lo svolgersi dei fatti, dove la tensione si insinua con sguardi, lampi, pericoli, trascinando nell’angoscia la protagonista. Il finale è commovente e niente di più può regalare la lettura di un romanzo.

“La ragazza di Chagall” di Antonella Sbuelz Ed Forum

Annunci
Pubblicato in Le mie recensioni | Lascia un commento

“Domani alla parata”. Un bambino della Corea del Nord tra miseria e doveri di stato.


Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

L’Urlo, racconto horror


“Premio LetteraturaHorror.it 2018”, ecco i vincitori e i racconti selezionati per l’antologia finale. Acquista copia cartacea di Premio LetteraturaHorro.it 2018

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

Chiusura temporanea del blog per aggiornamento della normativa


Chiusura temporanea del blog per aggiornamento della normativa.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Il Vangelo secondo il ragazzo



Non è facile aggiungere una lettura del Vangelo innovativa. Una lettura agnostica in tal caso che si affianca a tante altre, cristiane, atee, o anche ebraiche ( bellissimo “Fratello Gesù “ di Shalom Ben-Chorin). L’autore ci prova con un risultato apprezzabile. La prospettiva diversa, quella di un adolescente accompagnato dal padre, un adolescente come tanti spettatore incuriosito dalla personalità del predicatore di cui si parla, è la nota riuscita su cui si ricostruisce la predicazione e la passione del Nazareno. Anche il linguaggio, nitido, pittorico, poetico, adatto a rappresentare il mondo antico, è particolarmente riuscito. Molto più difficile, dopo secoli di romanzi dedicati, aggiungere un nuovo significato. La prima parte ricalca la vicenda conosciuta senza guizzi originali, mentre passione e morte del Cristo, i particolari dedotti dai recenti studi storici, narrate con immagini a volte crude e a volte dolcissime, sono una lettura emozionante.

(scusate la sottolineatura, non riesco a eliminarla)

Pubblicato in Le mie recensioni | Lascia un commento

Raccontamilastoria 2017 presentazione del racconto “Agli occhi del dio sconosciuto”


Pubblicato in narrativa, presentazioni, racconti, storia, Uncategorized | Lascia un commento

Aforisma 22


Il fanatismo e’ una malattia mortale che nasce dall’ intelligenza e si diffonde tra gli stupidi.

Pubblicato in aforismi | Lascia un commento