recensione di “Preferisco il rumore del mare” su “Giochi di parole… con le parole” di Giovanni Venturi.


Questa è la recensione di Giovanni Venturi, autore tra l’altro di un bel romanzo come “Le parole confondono” e di racconti pubblicati nella raccolta “Deve accadere”, che ho particolarmente apprezzato. Uno scrittore da sempre attento alle dinamiche giovanili.

Luca e Beatrice. Un viaggio in treno, un incontro, uno scorcio delle loro vite dentro i loro pensieri, dentro la quotidianità, dentro le loro storie personali, nelle loro vite, nelle amicizie, nei sogni e nell’amaro confronto con la realtà che irrompe sempre potente e, a tratti, inattesa nella forma in cui arriva.

Due studenti, due ragazzini cresciuti attraverso le difficoltà che attendono chiunque di noi nel proprio cammino.

Nonostante la brevità del testo i personaggi sono caratterizzati molto bene, la storia trascina e accende la curiosità (quando ho iniziato a leggere non ho potuto più smettere, non ho chiuso l’ebook finché non sono giunto al finale della storia, cosa che mi succede oramai di rado). Il testo spinge all’empatia per i personaggi, ci sono cose che vai a intuire, perché c’è grande abilità narrativa nel mostrare le cose, gli stati d’animo e Andrea Masotti e Giovanna Astori riescono benissimo in questa prova narrativa che a mio avviso non è come i testi che regolarmente arrivano tramite canali di autopubblicazione e tramite l’editoria tradizionale, che oramai offre sempre meno selezione. Lo stile è semplice e ricco allo stesso tempo, mai scontato e molto piacevole, caratterizza molto bene la storia e tutti gli elementi della stessa. Dialoghi resi essenziali, a tratti divertenti. Per esempio quando l’amico di Luca decide di partecipare ai provini di una famosa trasmissione televisiva tanto ambita in Italia, si vede l’abilità degli autori di mostrare attraverso un semplice dialogo quello che è effettivamente il precotto mentale italiano e di come autori di trasmissioni come quelle cerchino a tutti gli effetti un personaggio così. Ignorante, ma che crede di non esserlo. Non ci sono idee che vogliono essere divulgate in questo testo, ma una visione appassionata della realtà resa con uno stile sobrio che crea simpatia e affetto per i personaggi anche negli aspetti meno piacevoli.

Consiglio vivamente questa piccola perla di narrativa che purtroppo, come accade per le cose ben fatte, resta ai più qualcosa di sconosciuto.

Disponibile in ebook su Amazon, Kobo, Google Play Store e in cartaceo su Amazon e YoucanPrint.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...